Comune di Pavia di Udine

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Il tuo percorso: Ti trovi qui: Comune di Pavia di Udine > Gli Uffici > Ufficio Tecnico

Disciplina riferita alle rocce e terre da scavo collegate all'attività edilizia

Il 13 febbraio 2008 è entrato in vigore il nuovo testo dell’art. 186, rubricato “Terre e rocce da scavo", del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e successive modifiche ed integrazioni. Da tale data ove la produzione di terre e rocce da scavo avvenga nell'ambito della realizzazione di opere o attività soggette a permesso di costruire o a denuncia di inizio attività, la sussistenza dei requisiti di cui al comma 1 del medesimo articolo, nonché i tempi dell'eventuale deposito in attesa di utilizzo, che non possono superare un anno, devono essere dimostrati e verificati nell'ambito della procedura per il permesso di costruire, se dovuto, o secondo le modalità della dichiarazione di inizio di attività (DIA).

Pertanto tutti i procedimenti, non ancora chiusi con il rilascio dell’atto finale alla data del 13.02.2008, dovranno essere integrati con le dichiarazioni di cui alla modulistica

Qualora si intendesse procedere al riutilizzo delle terre e rocce da scavo si dovrà altresì compilare l'apposito modello e fornire le analisi del sito che dovranno rispettare la tabella allegata. 

MODIFICA ALLA NORMATIVA: DAL 21.08.2013 NUOVA MODULISTICA RIFERITA A TERRE E ROCCE DA SCAVO 

A partire dal 21 agosto 2013 è in vigore la nuova disciplina per l’utilizzo delle terre e rocce da scavo.

In relazione alle modifiche apportate dalla legge di conversione del DL del fare è nuovamente cambiata la procedura per il riutilizzo del materiale da scavo.

In particolare il Comune non è più competente per ricevere la dichiarazione.

Resta comunque fermo che le attività di scavo e di utilizzo devono essere autorizzate dagli enti competenti in conformità alle norme vigenti in particolare alla disciplina edilizia e che ogni modifica dei requisiti e delle condizioni presenti nella suddetta dichiarazione deve essere inviata entro 30 giorni al comune del luogo di produzione perchè l’autodichiarazione resa all’Arpa non costituisce in alcun modo autorizzazione alla realizzazione dell’opera ovvero l’esecuzione dei lavori connessi.

L'ARPA ha predisposto un breve sunto delle modalità di gestione e la modulistica al seguente link:

http://www.arpa.fvg.it/cms/tema/rifiuti/dati_ambientali/terre-e-rocce.html

Si è pertanto provveduto ad aggiornate i modelli e la tabella inerenti le terre e rocce.